Per lo Shopping online c’è Zawadi.it

DiStaff Posted Apr 16, 2018

Per lo Shopping online c’è Zawadi.it

ZAWADI.IT: CASA E GIARDINO

Zawadi è un sito per lo shopping online con tantissimi prodotti e tantissime categorie. Su Zawadi.it potete trovare articoli per la casa e il giardino, all’interno della categoria potete trovare casalinghi, arredamento, complementi d’arredo ma anche materassi e cuscini. I prezzi e l’ampia scelta i prodotti sono delle migliori marche. Rinnovare l’arredamento della vostra casa, dare un tocco personale al giardino o semplicemente fare un regalo gradito a qualcuno con Zawadi.it è facile e economico. Navigare tra i prodotti appena arrivati, quelli in offerta o quelli più venduti per scegliere quello che fa al caso vostro con la sicurezza che qualsiasi scelta si faccia il prodotto è di qualità ed economico.

ZAWADI.IT: CUCINA GOURMET

All’interno di questa sezione del menù di Zawadi.it potrete trovare utensili da cucina che vanno dalle tovagliette fino alle cappe aspirafumi, piccoli elettrodomestici dagli indispensabili fino a quelli più ricercati per voi che amate cucinare. Se poi la vostra passione è la pasticceria non temete, all’interno della sezione potrete trovare tutto per coltivare e migliorare questa passione grazie a utelsili appositi e piccoli elettrodomestici che vi saranno d’aiuto. Inoltre troverete prosciutti e porta prosciutti e tantissimi oggetti dedicati all’enologia e delle collezioni che vi ruberanno il cuore. Il tutto sempre a prezzi piccoli piccoli e convenienti.

ZAWADI.IT: SEXY SHOP

E’ la sezione di zawadi adatta allo shopping di coppia, navigare tra i diversi prodotti che comprendono lingerie, costumi adatti a feste o addii al nubilato/celibato. Potrete inoltre trovare preservativi, stimolanti e afrodisiaci. Non solo potrete trovare articoli sexy, set per bondage e anche giochi per adulti. Troverete vibratori di ogni tipo, articoli per il bondage e tutto quello che vi occorre per scatenare le vostre fantasie più nascoste. I prezzi piccoli e la qualità dei prodotti anche in questo caso fanno di Zawadi.it il miglior sito per i vostri acquisti sexy online.

DiStaff Posted Apr 16, 2018

Sexy shop online: cosa sono e cosa vendono

I sexy shop online vendono articoli sessuali vietati ai minori, articoli per il sesso sicuro, tutto il materiale pornografico, articoli erotici e anche biancheria intima sexy sia da uomo che da donna. Inizialmente nati come negozi fisici, hanno trovato una collocazione e un’espansione nel mondo del web vendendo i loro articoli online. Si è passati dunque dai primi sexy shop che erano nascosti alla vista ad essere alla portata di chiunque con dei semplici click, il comune denominatore è la riservatezza. I sexy shop online infatti spediscono la merce in pacchi completamente anonimi, così come i primi sexy shop erano in luoghi non frequentati per offrire la riservatezza necessaria dei clienti.

SEXY SHOP ONLINE: GLI ARTICOLI

Nei sexy shop online si possono trovare tutti quegli articoli che vengono utilizzati durante il sesso. Sicuramente tra i prodotti più venduti troviamo i vibratori. Nei vari sexy shop si possono trovare però anche articoli per il bondage, per il sadomaso. Spesso le case produttrici producono dei kit che comprendono diversi articoli che la coppia può usare. Navigando la prima volta per i vari sexy shop online si possono scoprire articoli di cui nemmeno si immagiava l’esistenza, ad esempio le macchine per il sesso, o l’altalena dell’amore. Se avete una fantasia sicuramente un sexy shop online ha l’articolo giusto per soddisfarla.

SEXY SHOP ONLINE: CONCLUSIONE

In conclusione un sexy shop online è un negozio virtuale in cui si possono trovare gli articoli e gli accessori per il sesso. Citiamo tra gli accessori, lubrificanti e corde, che spesso vengono usate nella pratica del bondage, ma non solo. Si possono anche trovare bambole gonfiabili e biancheria intima sexy o travestimenti per i giochi di ruolo. Per chi si vuole avvicinare magari alla pratica del bondage, spinto dal successo della trilogia di 50 sfumature, esistono kit completi. Inoltre un sexy shop online offre sempre una gamma di prodotti pr l’igene dei sex toys.

DiStaff Posted Apr 16, 2018

Orologi di lusso usati su cui puntare

BULGARI

Dopo il grande successo ottenuto con le sue originalissime creazioni di gioielleria , Bulgari decide di avvicinarsi al mondo degli orologi, nascono così dei capolavori di precisione ma soprattutto di eleganza e di gusto, ricordiamo tra i vari modelli di orologi del brand Bulgari il modello piu’ richiesto sul mercato di orologi di lusso usati il modello Bulgari Diagono che si trova disponibile in varie edizioni e modelli, la quotazione per un Diagono con cassa in oro , cinturiino in gomma e scatola originale , se ben conservato, si avvicina ai diecimila euro.

LONGINES

il brand Longines ha una storia che risale addirittura al 1830 anno della fondazione della maison, Longines vince nel 1900 il Gran Premio all’esposizione universale di Parigi con un orologio da tasca soprannominato Rennomè, e la maison che adotta su ogni quadrante il marchio della clessidra alata sarà quello che vincerà piu’ Gran Premi in occasione di queste expo. Lindberg affida alla Longines la realizzazione di uno strumento che aiuta gli aviatori nel calcolo delle longitudini e latitudini. Differenti modelli sono presenti nel mercato dell’usato e il modello Longines Vintage diver supercopressor ha raggiunto anche una valutazione intorno ai diecimila euro.

ROLEX

Il brand Rolex è sicuramente il piu’ desiderato e purtroppo anche il piu’ falsificato nel settore degli orologi di lusso, pertanto è consigliabile procedere all’acquisto di un orologio Rolex anche usato soltanto presso rivenditori di comprovata serietà e che rilasciano certificazione di autenticità . Gli orologi rolex rappresentano un acquisto destinato ad aumentare di valore nel tempo . Sul mercato dell’ usato sono disponibili moltissimo modelli di orologi Rolex di diverse fasce di prezzo, il modello piu’ costoso è il Rolex Daytona 6239 Paul Newmann tricolor , anno di produzione 1969 che ha raggiunto l’iperbolica cifra di 152.000 euro.

 

Articolo offerto gratuitamente da:

Cimafonte Orologi
Via Mario Fiore, 21 – 80129 Napoli (NA)
081.558.38.88
Fax.: 081.558.38.88
Web : www.cimafonteorologi.it
Mail : info@cimafonteorologi.it
P.IVA 06610601210

DiStaff Posted Apr 16, 2018

Calcolo IRAP

L’irap è l’imposta regionale sulle attività produttive, un’imposta locale che viene applicata alle attività produttive che vengono esercitate in ciascuna regione. L’irap è dunque un’imposta che viene pagata da chi svolge attività di impresa e viene devoluta in modo totale agli enti regionali in cui l’impresa a sede. I soggetti che devono versare l’irap sono enti o liberi professionisti, anche se non esercitano attività commerciale, quindi anche le pubbliche amministrazioni. Per quanto riguarda i produttori agricoli in alcuni casi possono essere esonerati.

CALCOLO IRAP: COME SI DETERMINA L’IRAP

Per calcolare l’irap bisogna prima di tutto determinare il guadagnao dell’anno di riferimento. Al guadagno devono essere sottratti i costi dai ricavi dell’esercizio e questo calcolo determina il valore netto della produzione. Bisogna tenere a mente che l’imponibile irap non prevede costi del lavoro deducibili. Si ottiene cosi il valore lordo di imposta su cui si va a calcolae l’irap che ha una quota del 3,9%. In alcune regioni l’aliquota potrebbe essere più elevata questo in virtù del fatto che le regioni hanno facoltà di maggiorare l’irap anche di un punto percentuale per poter far distinzione tra le varie categorie di contribuenti e settori di esercizio. In più ci possono essere riduzioni per agricoltura e pesca e maggiorazioni per banche e assicurazioni.

CALCOLO IRAP: COME SI VERSA

L’irap si versa in due rate, un acconto e un saldo. L’acconto irap corrisponde al 40% e si deve versare entro il 16 giugno, con proroga al 16 luglio aumentato del 0,40%. Il saldo irap invece va versato entro il 30 novembre ed è pari al 60%. I soggetti che devono versare l’irap devono trasmettere la dichiarazione in via telematica e sarà poi l’agenzia delle entrate a trasmettere a regioni e province la dichiarazione. Ricordiamo che anche tramite i caf è possibile presentare questa dichiarazione.

DiStaff Posted Apr 16, 2018

Brand della biancheria per la casa

La biancheria per la casa può essere distinta in biancheria per il letto, biancheria per il bagno e biancheria per la cucina ; con questo articolo andremo a vedere come sono composte le categorie e quali sono i miglior brand per ogni settore.

 

I brand di Biancheria per il letto e per il bagno

La biancheria per il letto si compone di una serie di lenzuola adatte per letto singolo o per letto matrimoniale, spesso in parure che comprende lenzuolo di sotto lenzuolo di sopra e federa coordinati. Le lenzuola possono essere bianche semplici o ricamate oppure stampate in colori e fantasie piu’ vivaci. I tessuti da preferire per le lenzuola sono il cotone e il lino; i brand leader nel settore sono Zucchi e Bassetti da sempre conosciuti per la qualità dei loro prodotti . Completa la dotazione un copriletto, una coperta o una trapunta o un piumino letto. La coperta deve essere di lana vergine e nel settore delle coperte il brand leader che garantisce assoluta qualità è Somma, la trapunta può essere imbottita in piume o altri materiali colorata o coordinata a una parure di lenzuola. La biancheria per il bagno si compone di numerosi set di asciugamani in spugna colorati o bianchi, spesso completa il set di asciugamani anche il telo bagno o l’accappatoio in coordinato. Anche per la biancheria bagno è preferibile l’utilizzo di fibre naturali quali il cotone. Caleffi è il brand piu’ conosciuto per i copriletti, le trapunte e per la biancheria bagno caratterizzata da morbida e superassorbente spugna di cotone.

 

I brand di  biancheria da cucina

Nella biancheria da cucina rientrano i tovagliati e i canovacci. Le tovaglie che compongono la biancheria da cucina sono realizzate in varie versioni, per sei persone e per dodici persone solo le piu’ comuni, sono complete di tovaglioli e possono essere in cotone resistente e colorato ma anche in lino e fiandra, riservate alle feste e alle occasioni importanti. I canovacci , indispensabili in cucina generalmente sono in numero di sei o di suoi multipli; i canovacci di buona qualità sono di dimensioni generose e di ottimo tessuto di cotone o di spugna, i colori devono essere resistenti al lavaggio. Nel settore della biancheria per la casa oltre alla Zucchi e alla Cassera esistono altri brand di assoluta qualità quali Borbonese e Gmz.

DiStaff Posted Apr 9, 2018

Elpidio Loffredo: pellicce vere leggere e facili da indossare

La passione, i decenni di attività, il continuo investimento in ricerca e sviluppo della propria collezione rendono la ElpidioLoffredo, una delle principali aziende del mondo della pellicceria.
ElpidioLoffredo è una nuova idea di pellicceria, leggera, trendy e facile da indossare.
Il segreto della collezione ElpidioLoffredo sono l’innovazione, la flessibilità e soprattutto la semplicità.
La produzione delle collezioni è interamente Made in Italy, e viene curata da artigiani professionisti.
I pellami utilizzati vengono selezionati accuratamente, e provengono dalle migliori aste di tutto il mondo. Spesso per le sue collezioni Elpidio Loffredo acquista i Top Lot senza badare a spese, per offrire la miglior qualità ai propri clienti.

Come ormai da anni, la collezione ElpidioLoffredo viene studiata nei minimi dettagli. Le collezioni di pellicce Elpidio Loffredo si distinguono per la ricercatezza nello stile, raffinato e minimale, e soprattutto per l’altissima qualità dei materiali.

Le collezioni Elpidio Loffredo posso essere definite “ricche”, praticamente c’è tutto, dai capi in pelliccia di visone alle giacche in lana lavorate a mano!
Un altro punto di forza della pellicceria ElpidioLoffredo è il servizio su misura, anche a domicilio.
Le collezioni di pellicce di visone e di pellicce di volpe sono caratterizzate da colori molto stravaganti ma allo stesso tempo sempre facili d’abbinare. Il fiore all’occhiello delle collezioni firmate ElpidioLoffredo sono senza dubbio le collezioni di pellicce di Zibellino, pellicce di Cincillà e pellicce di Lince. Praticamente lussuosissime. Grazie alle sue collezioni di Zibellino, ElpidioLoffredo è diventato un Brand di riferimento per il settore. I modelli prodotti non sono mai banali e sempre molto eleganti.

Elpidio Loffredo offre anche servizi di frigo custodia o custodia estiva, aggiusti e rimesse a modello della vecchia pelliccia, il tutto anche a domicilio e online.
Dove trovare la pellicceria ElpidioLoffredo? In via Lepanto 25, in pieno centro a Pompei, insomma difficile non trovarla.
Oltre l’Italia, la pellicceria ElpidioLoffredo ha sede anche a Mosca (Russia) e in Almaty (Kazakhstan).
Anche in Russia e in Kazakhstan, ElpidioLoffredo è diventato un brand di spicco nel settore.
Elpidio Loffredo offre un vasto e-commerce per soddisfare anche i clienti più lontani e diverse pagine social. Collezioni, prezzi, foto e tanto altro su Elpidio Loffredo.

DiStaff Posted Apr 5, 2018

Investigazioni aziendali verso dipendenti

Investigazioni per licenziamento per giusta causa

La giusta causa è un concetto usato dal codice civile italiano (art. 2119 c.c.) per riferirsi ad un comportamento talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto neppure a titolo provvisorio, in sostanza, neppure per il tempo previsto per il preavviso di licenziamento.

A titolo esemplificativo, posso costituire giusta causa di licenziamento il rifiuto ingiustificato e reiterato di eseguire la prestazione lavorativa, il rifiuto a riprendere il lavoro dopo una visita medica che ha constatato l’insussistenza di una malattia, il lavoro prestato a favore di terzi durante il periodo di malattia se tale attività pregiudica la pronta guarigione ed il ritorno al lavoro, la sottrazione di beni aziendali nell’esercizio delle proprie mansioni, una condotta extralavorativa penalmente rilevante od idonea a far venir meno il vincolo fiduciario.

Concorrenza sleale

Il lavoratore dipendente deve rispettare l’obbligo di fedeltà nei confronti del datore di lavoro e rispettare, nei confronti dello stesso, il divieto di concorrenza sleale.
L’art. 2105 del codice civile individua nel divieto di concorrenza l’obbligo di astenersi dal trattare affari in concorrenza con il datore di lavoro, sia per conto proprio che per conto di terzi.

Se sospetti che un dipendente intrattenga rapporti con un’azienda concorrente o che operi autonomamente in analogo settore, Europol Servizi Investigativi individua l’attività svolta in concorrenza sleale e documenta l’infedeltà aziendale dando modo di intraprendere un’azione legale per ottenere il risarcimento del danno e l’allontanamento del dipendente scorretto.

Agenzia Investigativa Europol, Sede Legale: Via G. Perego 58 – Roma

 

DiStaff Posted Mar 16, 2018

Coordinati per lettini

COORDINATI PER LETTINI:   PERCHE’ SCEGLIERLI

La principale attività di un bambino è il dormire, perciò ogni mamma comprenderà quanto sia importante assicurare al proprio piccolo  un sonno confortevole;  inoltre  è  provato che il riposo   in un ambiente armonico contribuisce  a favorire una crescita sana,  equilibrata e serena; ecco quindi  l’importanza di scegliere coordinati per lettini  che integrandosi ed armonizzandosi con gli elementi della cameretta,  contribuiranno oltre  a rendere piu’ bello visivamente il lettino anche ad assicurare un giusto riposo al bimbo.

 

COORDINATI PER LETTINI:  I COLORI LE FANTASIE

Sono disponibili attualmente in commercio coordinati per lettini di molteplici colori ed innumerevoli fantasie ,  sicuramente i colori piu’ gettonati sono i tradizionali rosa per le femminucce e celeste per i maschietti, ma sono anche disponibili in commercio coordinati per lettini in una  nutrita gamma di colori dai piu’ classici  ai piu’ attuali, come alcune tonalità di grigi,  questi coordinati per lettini  sono in grado di soddisfare le  esigenze delle mamme sotto tutti i punti di vista, importantissimo prima di scegliere  però  è assicurarsi oltre che della qualità del tessuto  anche della sicurezza ed atossicità dei colori.

 

COORDINATI PER LETTINI: I TESSUTI  E I BRAND

La cameretta può essere considerata  il primo mondo  che conosce in nostro bambino;  è il luogo dove lui dorme trascorrendo gran parte del suo tempo ed il luogo nel quale si risveglia, da qui nasce l’esigenza  che  tutto intorno a lui sia armonico,, ecco perchè la mamma dovrà porre il massimo dell’attenzione nella scelta dei tessuti  che devono essere rigorosamente naturali; su mercato sono presenti alcuni brand che garantiscono sia l’uso  nella loro produzione di tessuti naturali  che   l’utilizzo per le colorazioni di colori biologici, assolutamente atossici.  I brand piu’ conosciuti ed apprezzati sul mercato sono Erbesi, Picci e Cuore di mamma, questi brand sanno soddisfare le esigenze sia della mamma  che del bimbo.

Sotto il Cavolo di Arcidiacono e Brela.
Via del Sugheraio n.53/55 – Zona Industriale
58022 Follonica (GR) – PI 01158280535

Tel./Fax (+39) 0566.41666

Tel (+39) 0566.262368

Mobile (+39) 349.4104998

E-mail: info@sottoilcavolo.com

DiStaff Posted Mar 14, 2018

Tutto sull’IRPEF

IRPEF: COS’È

L’Irpef è un’imposta e la sigla sta a indicare Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche. L’irpef è un’imposta diretta, personale e progressiva. L’’IRPEF è diretta perché colpisce direttamente il redditto, personale perché viene corrisposta da tutti coloro che producono un reddito e sono in Italia, progressiva perché si versa una quota che varia in percentuale, in aumento o in diminuzione in base al reddito dichiarato. L’IRPEF viene applicata sui redditi derivanti da capitali, da fondi, lavoro dipendente, lavoro indipendente, redditi di impresa e redditi diversi. Deve essere versata da lavoratori autonomi la pagano alla dichiarazione dei redditi lavoratori dipendenti pagano l’IRPEF in busta paga, i pensionati attraverso l’assegno pensionistico.

IRPEF: COME SI CALCOLA

Per il calcolo dell’IRPEF si deve far riferimento  alle aliquote che vengono applicate sul reddito annuale del contribuente. Sono suddivise in 5 scaglioni diversi. Per redditi fino a 15.000 euro annui l’aliquota è al 23%, per redditi da 15.001 a 28.000 l’aliquota IRPEF è del 27%, lo scaglione successivo è per redditi che vvanno da 28.001 a 55.000 euro annui ed è del 38%, i redditi dai 55.001 a 75.000 l’aliquota è al 41% e per i redditi superiori a 75.000 l’aliquota è al 43%. Le aliquote vengono applicate sul reddito imponibile, dato da entrate economiche meno gli oneri deducibili. Viene cosi calcolata l’imposta IRPEF lorda alla quale vanno poi sottratte le detrazioni a cui si ha diritto

IRPEF: COME SI VERSA

L’IRPEF può essere versata in due modi, un solo versamento con scadenza 30 Novembre per acconti che sono inferiori alla cifra di 257,52 euro. Nel caso l’acconto sia superiore a tale cifra si versa in due rate cosi composte: alla prima rata che ha scadenza il 30 giugno va versato il 40%, il restante 60% va versato con la seconda rata che va corrisposta entro il 30 Novembre.

 

DiStaff Posted Mar 14, 2018

MANCANZA DI DESIDERIO MASCHILE

 

CAUSE

La mancanza di desiderio maschile è sicuramente un problema che assume importanza nella sessualità sia individuale che di coppia. Quando parliamo di mancanza di desiderio maschile è necessario rimandare a situazioni che influenzano l’eccitazione e il desiderio stesso che portano dunque a generarsi delle difficoltà fisiche ad avere rapporti. Le problematiche possono essere sia di natura fisiologica si di natura psicologica. Di natura fisiologica possono essere anche malattie quali disfunzione erettile o la difficoltà ad eiaculare ma anche sovrappeso o livelli bassi di testosterone. Se si giunge alla conclusione che i fattori che hanno determinato la mancanza di desiderio maschile non sono di natura fisiologica si può pensare che le cause siano più radicate e quindi di natura psicologica tra cui stress, alcolismo, problemi nel relazionarsi o problemi che arrivano dall’infanzia.

COME AUMENTARLO

Una volta giunti a cosa genera la mancanza di desiderio maschile bisogna necessariamente rivolgersi a uno specialista. Se le cause sono fisiologiche sarà necessario seguire la cura prescritta eliminando i le cause che provocano il calo del desiderio. Nello stesso modo se i fattori sono di tipo psicologico sarà necessario rivolgersi al medico e dunque seguire i suoi consigli. Va detto che un problema di natura fisiologica è sicuramente più semplice da curare rispetto a un problema di tipo psicologico che richiede un percorso. Tra le varie cose che si possono fare è dedicarsi ad atttività fisica specifica o aggiungere integratori specifici che possono andare ad agire sul desiderio maschile.

QUANDO INTERVENIRE

In alcuni momenti della vita può accadere che la mancanza di desiderio maschile sia del tutto normale. Il desiderio maschile è regolato dall’ormone del testosterone, ormone la cui presenza è misuralbile con un esame del sangue. Si tenga presente che tale ormone inizia a decrescere già dai 30 anni. Dunque il problema della mancanza del desiderio maschile se è un evento raro è da considerarsi normale mentre se il calo del desiderio è prolungato nel tempo inizia a portare prolemi personali e nella coppia e quindi si rende necessario intervenire rivolgendosi a specialisti che potranno capire se la mancanza di desiderio maschile è di tipo fisiologico o di tipo psicologico.

DiStaff Posted Mar 14, 2018

Piumino letto: Cambio di stagione lavaggio e manutenzione

 

Anticamente si usavano le coperte o le pesantissime trapunte in lana che sono state sostituite ai giorni nostri dal piumone e soprattutto dai leggerissimi e caldi piumini da letto. Con l’avvicinarsi della bella stagione però arriva il momento di riporre il nostro piumino per letto invernale e sostituirlo con una coperta o un piumino per letto piu’ leggero, adatto alle mezze stagioni, di seguito daremo alcuni consigli per eseguire al meglio la manutenzione del nostro piumino per letto, come lavarlo e come conservarlo per ritrovarlo come nuovo il prossimo inverno.

PIUMINO LETTO- IL LAVAGGIO

Il lavaggio del piumino per letto  può essere effettuato ,   senza rischiare di rovinarlo,   una volta all’anno, pertanto è ovvio che il momento migliore per effettuare questo lavaggio è senz’altro il cambio  di stagione,  la piuma che costituisce  l’imbottitura del piumino per letto non patisce le  alte temperature ma, al contrario, queste potrebbero danneggiare la fodera del nostro piumino per letto, pertanto consigliamo un lavaggio leggero  con acqua e detersivo delicato o sapone di marsiglia, e, per non rischiare di rovinare il tessuto del nostro piumino per letto, la temperatura deve essere  contenuta tra i cinquanta ed i sessanta gradi. Dopo abbondanti e ripetuti risciacqui il piumino per letto deve essere fatto asciugare all’aria aperta evitando l’esposizione diretta al sole, si può anche procedere all’asciugatura nell’asciugatrice a patto però che si selezioni, per l’asciugatura del piumino per letto,  una temperatura  media.Si consiglia di riporre il piumino per letto, lavato ed asciugato, in un luogo asciutto e riposto  chiuso   in una sacca di cotone, sono da evitare le scatole ermetiche ed i sacchetti  di plastica.

PIUMINO PER LETTO- LA MANUTENZIONE PERIODICA

Durante l’utilizzo stagionale del piumino per letto è consigliabile eseguire periodicamente alcune operazioni destinate a mantenere il piumino per letto nella condizione migliore per l’uso. Le operazioni da eseguire per assicurare una corretta manutenzione del piumino per letto sono: la  frequente sprimacciatura del piumino per letto che deve essere eseguita  scuotendolo delicatamente, quindi a seguire  esporre il piumino per letto all’aria , questa operazione favorisce il rigenerarsi delle piume,  è possibile togliere l’eventuale polvere dal piumino per letto  spazzolando leggermente con una spazzola morbida; è da evitarsi assolutamente l’operazione di sbattere con forza il piumino per letto; questa manovra potrebbe oltre a rovinare il tessuto esterno causare danni all’imbottitura.

 

DiStaff Posted Mar 14, 2018

IMPOSTE: DEFINIZIONE

Si definiscono imposte tutti quei contributi obbligatori che vanno a comporre le entrate dello stato. Le imposte una volta entrate servono a pagare i diversi servizi pubblici erogati dallo Stato. Le imposte sono in sostanza un prelievo coattivo della richezza che lo Stato effettua per sostenersi e sostenere le diverse spese. Le imposte sono diverse dalle tasse perché non sono dovute per una prestazione ma sono un’entrata per lo Stato. Le imposte possono essere dirette o indirette. Le imposte dirette si applicano sul patrimonio e sul reddito mentre le imposte indierette sono applicate sull’acquisto di un bene o servizio.

IMPOSTE: A COSA SERVONO

Le imposte vanno a formare le entrate dello Stato o delle Regioni o Comuni, le imposte una volta percepite diventano uscite per lo Stato, le Regioni o i Comuni. Infatti le imposte vengono inevitabilmente spese da parte dell’ente che le percepisce che fornisce servizi, come istruzione, assistenza sanitaria. Le imposte rappresentano anche una redistribuzione di reddito che dai più ricchi va ai più poveri con pensioni, sussidi. La progressività fa pagare chi ha redditi un’imposta in percentuale crescente con l’aumentare del reddito.

IMPOSTE: QUALI SONO

Le imposte vengono pagate dai contribuenti, che sono residenti in Italia. L’imposta sul reddito personale IRE, conosciuta in precedenza con IRPEF, è l’imposta con rappresenta la parte più sostanziosa delle entrate dello stato. E’ un’imposta sul reddito dei cittadini ed è un’imposta personale, ipoteticamente in una famiglia verrà pagata dai membri che percepiscono un reddito, ognuno di loro farà una dichiarazione dei redditi e in base a quella in modo personale pagherà le sue imposte. L’altra imposta che per importanza va a comporre le entrate dello stato è l’IRES, che è l’imposta sul reddito delle società e riguarda tutte le società di capitale ed è proporzionale al reddito. In ordine di importanza le altre imposte troviamo l’IVA, le imposte sui carburanti e le imposte sui tabacchi.

DiStaff Posted Mar 14, 2018

IL COPRILETTO LE SUE FUNZIONI

 

Il copriletto è   un capo di tessuto che, come dice la parola stessa, in origine aveva principalmente la funzione di  coprire e proteggere la ben piu’ costosa biancheria da letto. Questo, appunto in origine, perchè nel corso del tempo il copriletto ha assunto un ruolo via via piu’ importante sino ad arrivare ai giorni nostri in cui i tessuti e i colori hanno modificato la funzione principale del copriletto  che è diventata  quella di abbellire il letto,  in certi casi sostituire la coperta,  e inoltre a   dare un tocco in piu’ all’arredamento della zona notte.

 

IL COPRILETTO- I TESSUTI

Come abbiamo già accennato inizialmente il ruolo del copriletto era di proteggere la biancheria del letto, quindi presumibilmente   il tessuto non era particolarmente ricercato anzi l’unica qualità doveva essere la resistenza ai ripetuti lavaggi.  Assistiamo, al giorno d’oggi, ad una grandissima varietà di offerta per quanto riguarda il copriletto, a cominciare da una grande gamma di fantasie floreali, geometriche e astratte, troviamo inoltre la tinta unita o il copriletto in coordinato con le lenzuola o i tendaggi. Il copriletto può essere realizzato in tantissimi tessuti, a cominciare dal cotone, passando per il raso, la seta e il damasco, per arrivare al limite anche alla pelliccia (generalmente di mucca o di coniglio).

IL COPRILETTO-  CONSIGLI PER L’ ACQUISTO

In commercio esistono svariate proposte per l’acquisto del copriletto; innanzitutto occorre distinguere il tipo di copriletto al quale si è interessati se si vuole acquistare un copriletto ad una piazza, per un letto matrimoniale o per un lettino. Poi occorre anche valutare se il copriletto è destinato alla stagione estiva, o a quella invernale, in tal caso sarà possibile anche valutare l’acquisto di un copriletto trapuntato, che può sostituire, almeno durante i primi freddi autunnali, la coperta. Esistono in commercio tantissime proposte dalle piu’ economiche che riguardano il semplice copriletto di cotone fino ad arrivare all’esclusivo copriletto dipinto a mano, importante, anzi essenziale, nell’acquisto di un copriletto è il tessuto usato e la modalità di lavaggio. Il tessuto deve poter sostenere anche il semplice lavaggio in lavatrice per evitare in seguito il costoso ricorso alla lavanderia.

Scritto gratuitamente dallo staff di:

Carillo Biancheria – Via Provinciale Passanti – Vico Poesia, 16 80047 San Giuseppe Vesuviano (NA)

P.Iva: 04647311218 n. iscrizione Rea NA – 709817 https://www.carillobiancheria.it/

DiStaff Posted Mar 14, 2018

COORDINAZIONE MOTORIA BAMBINI: COS’È

 

La coordinazione motoria è quella capacità di eseguire movimenti in modo efficace, le capacità coordinative sono quelle di base e quelle specifiche. Le capacità coordinative di base rappresentano la capacità di apprendere un nuovo movimento. Saper regolare, controllare, adattare e trasformare i movimenti imparati secondo la specifica necessità del momento. Le capacità coordinative specifiche sono la capacità di accoppiare e compinare più movimenti, la coordinazione oculo-muscolare, la capacità di equilibrio, di orientamento, di differenziazione, di ritmo, reazione e trasformazione. Tutte queste capacità insieme vengono apprese nel corso della crescita e sono la coordinazione motoria dei bambini.

IL DISTURBO DELLA COORDINAZIONE

Circa sei bambini su cento soffrono di questo disturbo della coordinazione. Questo disturbo è caratterizzato dall’incapacità di programmare ed eseguire azioni o movimenti con intenzionalità. Questo disturbo non influisce solo nella coordinazione motoria dei bambini ma anche nella loro vita. Le cause di questo disturbo non sono ancora chiare, non è associata a lesioni cerebrali, i fattori di rischio possono essere, la nascita prematura, un peso basso alla nascita, casi di coordinazione motoria in famiglia ma anche la mamma che durante la gravidanza ha assunto alcool o stupefacenti.

COME SVILUPPARE LA MOTRICITÀ

Per stimolare la coordinazione motoria nei bambini fateli disegnare e scarabbocchiare, perché questa attività oltre a afferrare e impugnare la matita aiuta a sviluppare l’immaginazione. Fategli usare i mattoncini, utilizzare anelli da infilare in un paletto, costruire e smontare aiutana a rendere le dita agili e inoltre aumentano l’abilità motoria. Vestirsi o farlo con una bambola aumenta la coordinazione di dita, mani e occhi, dategli abiti che possa indossare da solo, evitate le scarpe con i lacci e giocate a travestirvi. Riempire e svuotare contenitori, richiedendo precisione aiuta la coordinazione motoria perché è un esercizio cognitivo, iniziate a fargli ritirare i suoi giochi e lentamente passate a compiti che richiedono più precisione come riempire il contenitore dei ghiaccioli con il liquido. Sviluppare la manualità con l’aiuto della plastilina o con semplice acqua e farina facendolo giocare a fare il pasticcere.

DiStaff Posted Mar 14, 2018

Furgonati: cosa sono e vantaggi

 

COSA SONO I CAMPER FURGONATI

 

Camper furgonato, cos’é? La definizione è fornita dalla particolare struttura del veicolo che racchiude un camper in un pratico monovolume. Conosciuto anche come furgone camperizzato o “lamierizzato”, il camper furgonato è un camper “puro” molto richiesto negli ultimi anni per la sua versalità. In che modo è possibile distinguere un semplice camper da uno furgonato?

 

– la compattezza del veicolo

– le prestazioni stradali simili a quelle di un monovolume

 

Un camper furgonato si contraddistingue per il suo design compatto che richiama la struttura di un monovolume rendendolo più godibile da guidare. Quando si acquista un mezzo come il camper furgonato va sempre tenuto presente il fattore montaggio che può giocare un punto a sfavore nei punti termici critici. La temperatura all’interno nell’abitacolo potrebbe infatti salire rendendo il veicolo poco confertevole.

 

Qual é la versione più commercializzata del camper furgonati? Viene preferita la versione disegnata con un tetto sollevabile, considerata dai camper amatori versatile anche se non esteticamente la più bella.

 

VANTAGGI DEI FURGONATI RISPETTO AI CAMPER

 

Per quale motivo si dovrebbe preferire un camper furgonato da uno tradizionale? Chi sceglie un camper puro sta programmando un viaggio più improntato sull’esplorazione e l’avventura. La pratica struttura del veicolo furgonato lo adatta a qualsiasi esigenza. Il camper furgonato può essere adibito anche come unica vettura perché compatto e meno ingombrante del classico.

In alcuni modelli in commercio il tetto sollevabile permette inoltre di creare un allestimento grazie al tetto sollevabile.

 

Se siete indecisi sull’acquisto, potete prendere in considerazione tutti i pro e i contro di un camper furgonato. Abbiamo raccolto le nostre impressioni in merito qui sotto:

 

Pro Camper furgonato

 

– veicolo con ridotti costi di riparazione perché strutturato su lamiera di acciaio

– versatilità e semplicità di utilizzo;

– maggiore possibilità di muoversi e avventurarsi in posti inaccessibili con il camper tradizionale;

– consumo di carburante inferiore rispetto al camper classico;

– migliore guida grazie al design del veicolo stesso;

– il camper puro offre maggiori possibilità di guida alla famiglia: è un camper a tutti gli effetti ma può essere considerato anche una vettura unica.

 

Contro Camper furgonato

 

– Spazio nell’abitacolo ridotto rispetto al camper tradizionale con conseguente limitazione per valigie, bagno e ulteriori servizi;

– buon rapporto qualità-prezzo ma diventa meno interessante quando si valutano le prestazioni abitative;

– design del portellone che può permettere alla pioggia di fare capolino all’interno dell’abitacolo;

– “punti termici” che favoriscono l’aumentare della temperatura nell’abitacolo rendendo poco confortevole il camper.

 

Articolo gratuito offerto dallo staff di:

Furgonato

 

DiStaff Posted Mar 14, 2018

I migliori produttori di sigarette elettroniche

Quali sono i migliori produttori di sigarette elettroniche

Secondo i consumatori e gli esperti del settore, quando si parla di migliori produttori di sigarette elettroniche si intendono quelle aziende che, con competenza e professionalità, riescono a realizzare degli strumenti tecnologicamente avanzati con ottimi materiali e, allo stesso tempo, facili da usare.

Di seguito i produttori più conosciuti.

Aspire: brand cinese nato nel 2013 che, grazie ad un organico dinamico e ingegnoso, è riuscito in pochi anni a scalare tutte le classifiche di gradimento.

 

Joyetech: marchio cinese fondato nel 2007. Inizialmente, la produzione era basata essenzialmente su dispositivi di aiuto a coloro che volevano smettere di fumare ma, in seguito, si è orientata verso la realizzazione di prodotti pensati appositamente per gli svaporatori.

 

Flavourart: azienda made in Italy specializzata nella creazione di liquidi per sigarette elettroniche ricavati da aromi naturali e, in alcune tipologie, con componenti di nicotina.

 

Justfog: brand sud coreato specializzato nella realizzazione di sigarette elettroniche dalle dimensioni ridotte. Il suo pezzo forte è il modello Minifit, uno svaporatore minuscolo ma potente e capace di produrre un fumo intenso e continuo.

 

Eleaf: azienda di derivazione cinese ma dotata di succursali anche in Europa, nota per la produzione di sigarette elettroniche dotate di display luminoso che segnalano, in tempo reale, gli elementi caratterizzanti i liquidi, la densità del fumo e ogni altra informazione utile.

 

Coilart: marchio cinese noto per la produzione di pezzi di ricambio e di accessori da inserire nei modelli più diffusi di sigarette elettroniche. Interessante è la sezione dedicata ai liquidi ottenuti con l’impiego di sostanze biologiche e benefiche per l’organismo, per un’esperienza di fumo salutare.

 

Coilmaster: azienda americana, famosa per la realizzazione di kit e valigette con attrezzature per la creazione fai a te delle sigarette elettronica, molto apprezzata soprattutto da coloro che amano la personalizzazione a seconda della tipologia di fumo.

 

Cosa producono?

I migliori produttori di sigarette elettroniche creano questi strumenti da fumo che, come una macchina sofisticata, sono composti da numerosi pezzi che, assemblati perfettamente, consentono l’emissione del vapore. Tra gli elementi indispensabili per la funzionalità della sigaretta elettronica, vi sono gli atomizzatori e le resistenze. Gli atomizzatori, generalmente, dalla forma di un piccolo cilindro, sono accessori che permettono di nebulizzare i liquidi presenti nel contenitore e, con il passaggio del calore e delle alte temperature, consentono anche di formare il vapore aromatico. Esistono diverse tipologie di atomizzatore che si distinguono a seconda della potenza della sigaretta, della durata della batteria e del tipo di fumo desiderato, necessitano, per il corretto funzionamento, di una manutenzione costante e di una pulizia con prodotti specifici, non chimici. Le resistenze per sigarette elettroniche si distinguono in rigenerabili e non rigenerabili a seconda della possibilità di ricaricarle e di riutilizzarle. Tali accessori assumono una grande importanza in quanto, poichè sono collegati direttamente alla batteria o all’alimentazione interna della sigaretta, provocano il processo di riscaldamento che porta poi alla produzione del vapore. In commercio vi sono diversi modelli adattabili a ciascuna esigenza, prodotti, nella maggior parte dei casi, in Oriente o negli Stati Uniti d’America e poi distribuiti in Europa.

 

Articolo gratuito offerto dallo staff di:

 

Must500

LOL SRL, VIA CIRO MENOTTI 10 21010 BESNATE (VARESE) – P.IVA 03390480121

DiStaff Posted Mar 14, 2018

case in legno vantaggi e caratteristiche costruttive

 

Oggi è sempre più diffusa la tendenza ad acquistare un’abitazione prefabbricata in legno e disporla nel proprio terreno, sia per la facilità di montaggio richiesta e sia per il comfort che offre questo tipo di soluzione.

 

Case in legno e caratteristiche

 

Le case in legno danno la possibilità di personalizzare e adattare ogni elemento della struttura in base alle proprie esigenze ed esistono varie metodologie di costruzione utilizzate a tal fine. Una delle tecniche più usate è fornita dal sistema a solaio costituito da elementi di legno posti a una distanza costante ai quali da ogni lato sono collegati dei pannelli strutturali che contribuiscono a formare pareti e solai; la procedura è conclusa con le varie opere di isolamento. Un altro sistema molto comune è chiamato X-lam ed è formato dall’unione di pannelli in legno massiccio incollati tra loro e uniti attraverso tecnologici collegamenti meccanici. Anche il Blockhaus ossia la costruzione data dalla sovrapposizione di blocchi massicci in legno sagomato, è un modello molto caratteristico e che presenta un alto grado di stabilità.

 

Vantaggi di una casa in legno

 

Sono molteplici i vantaggi che accomunano chi sceglie una casa in legno prefabbricata tra cui le proprietà che garantiscono di sicurezza in caso di fuoco garantendo una certa resistenza di fronte all’eventuale propagazione di incendi insieme ad un elevato grado di isolamento di cui beneficia tutto l’ambiente abitativo. Il tempo di realizzazione di queste abitazioni è molto ridotto e permette ai suoi realizzatori di avere a disposizione in tempi brevi il proprio ambiente personalizzato ed ultimato a regola d’arte. Il legno è un materiale ecosostenibile, rinnovabile e che può essere smaltito facilmente, presenta inoltre delle importanti qualità antisismiche che consentono all’abitazione di tollerare anche il 6° o 7° grado della scala Mercalli. Il fattore risparmio nell’acquisto di una casa in legno si riscontra anche nel prezzo che è più accessibile rispetto ai costi previsti per la costruzione di una casa tradizionale in muratura. Un’altra qualità fondamentale attribuita alle case in legno è data dall’isolamento termico e acustico assicurato e ciene infatti molto usata in paesi che hanno un clima particolarmente rigido. Il legno aiuta anche a contrastare la formazione di muffe ed è un materiale elastico che ha un peso specifico e una certa durabilità nel tempo; da non dimenticare che in questo genere di abitazioni è possibile ottenere un rilevante risparmio energetico in quanto sono in grado di mantenere la casa calda in inverno e fresca in estate e viene quindi evitato l’eccessivo uso degli impianti di riscaldamento e condizionamento. E’ possibile infine creare una casa in legno scegliendo varie forme e dimensioni e progettando un design flessibile e adatto ad ogni esigenza.

 

Articolo offerto gratuitamente dallo staff di:

 

De Raco Costruzioni

C.da. Pozzo S. Nicola, 2 – 89029 Taurianova RC – P.iva 02140580800

DiStaff Posted Mar 14, 2018

Transpallet: cosa sono e quanti tipi esistono

Quando si parla di transpallet ci vengono subito in mente i grossi carichi di merce che spesso vengono trasportati da un magazzino ad un altro, oppure grandi quantità di prodotti messi in vendita nei supermercati o nelle catene di grande distribuzione. Ecco, i transpallet sono proprio quei mezzi adatti allo spostamento dei pallet o meglio, dei bancali o delle pedane.

 

Questo mezzo può avere diverse dimensioni, distinte in base alla dimensione delle forche che possiede. Si possono avere transpallet piccoli con forche corte che sono in grado di reggere un peso fino a due tonnellate e mezzo, e la misura standard. Questo mezzo è verniciato in acciaio e presenta un totale di sei ruote, quattro sul davanti e quindi sotto le orche e le altre due che gestiscono il movimento, sotto il braccio. Le ruote più resistenti sono quelle vicino alle forche, poiché dovranno resistere al carico che vi viene posto.

 

Il transpallet non è adatto per spostamenti di carichi eccessivamente pesanti, poiché la molla presente nel braccio sopporta una certa quantità di merce, oltre la quale potrebbero verificarsi dei problemi.

 

Il transpallet è un investimento necessario per aziende che necessitano di movimentare le merci, anche di peso modesto. Ciò consente un risparmio di tempo nelle attività di trasporto, aumentando l’efficienza dell’azienda e di velocità nelle attività di trasporto delle merci.

 

È necessario che l’operatore che sia addetto al trasporto dei bancali con il transpallet, sia informato circa le normative di sicurezza vigenti e che le rispetti, poiché questo mezzo è eccessivamente pesante e se viene usato in condizioni sbagliate, può anche diventare un pericolo per se stesso e per le attività lavorative svolte ad esempio, in un magazzino.

 

Tipologie di pallet esistenti

 

Sul mercato è possibile trovare pallet di tipo manuale, semielettrico, elettrico e pesatore. È importante scegliere l’apparecchio più adatto alle esigenze dell’azienda e soprattutto in base a ciò che bisognerà trasportare. Dopo aver preso in esame questi aspetti, la scelta del transpallet più adatto sarà semplice.

 

Se scegliamo un transpallet manuale sappiamo bene che non dovremo trasportare grossi carichi. Questi permettono una movimentazione di base per piccole attività o officine. Qualora sia necessario movimentare molta più merce, sarà necessario optare per un transpallet di tipo elettrico o semi elettrico. Queste due tipologie di mezzi permettono di alleggerire chi sarà addetto al trasporto, poiché i movimenti diventano automatici, e nel caso del transpallet elettrico automatico sarà anche il sistema di spostamento e sollevamento. Rispetto ai costi c’è da dire che un transpallet elettrico è molto meno economico rispetto ad uno semi elettrico. In questo caso basterà fare una valutazione sulle attività da compiere e capire il modello più adatto alle esigenze dell’azienda.

 

Il transpallet pesatore viene usato quando vi è necessità di trasportare la merce e di pesarla allo stesso tempo. Questa opzione è sicuramente volta all’aumento dell’efficienza delle attività di magazzino. In questo modo la merce mentre viene trasportata sarà pesata, il peso verrà comunicato all’addetto in tempo reale.

DiStaff Posted Mar 14, 2018

Movimentazione merci: con cosa spostare merci nei depositi

 

Movimentazione merci

All’interno di depositi e magazzini, le merci sono movimentate grazie all’utilizzo di attrezzature e macchinari, appositamente prodotti da aziende specializzate nel campo, e messi a disposizione di professionisti, imprese e privati.

Sebbene si tratti prevalentemente di attrezzi e prodotti meccanici, la tecnologia applicata in questo campo conferisce ai predetti articoli una maggiore facilità nell’utilizzo, minor impiego del lavoro umano, particolare velocità nell’esecuzione dei lavori, maggiore precisione nello svolgimento delle operazioni.

 

Attrezzature per spostare la merce nei depositi

 

Le attrezzature per il trasporto e il sollevamento delle merci e dei prodotti nei depositi e nei magazzini, sono particolarmente numerose e diversificate per dimensioni, specificità di utilizzo, prestazioni del macchinario, tipologia di meccanica, e tanto altro ancora.

Un ruolo di particolare rilievo è ricoperto dai carrelli; essi possono essere di varie tipologie: carrelli portatutto per il trasporto di merci e pacchi da un deposito all’altro oppure da un reparto all’altro. Nell’ambito dei carrelli portatutto distinguiamo: carrelli a due ruote, carrelli manuali, carrelli in metallo, carrelli alti. Ricordiamo, ancora, carrelli: a carico lungo, a scaffale, cabinati, con impugnatura centrale, con vassoio, roll container.

 

In particolare, tra le attrezzature per la movimentazione merci, ricordiamo:

– Transpallet, sono attrezzi usati per sollevare e spostare le merci e il materiale presente in magazzini, depositi.

– Gru officina, è l’attrezzo utilizzato in officina per sollevare gli automezzi di qualsiasi dimensione, al fine di poter intervenire (per riparazioni, diagnostica, ecc.) sugli stessi comodamente, senza doversi posizionare sotto di essi, come accadeva in passato. La struttura particolare ha la finalità di ridurre i problemi di ingombro e consentire il facile trasporto all’interno dell’officina. Inoltre, altra caratteristica che la rende particolare è quella della verniciatura a polvere: tale accorgimento consente una particolare facilità nella pulizia.

– Carrelli elevatori, sono attrezzi utilizzati in magazzino e in deposito, per sollevare le merci e materiali pesanti e di grandi dimensioni.

I carrelli che oggi sono presenti sul mercato propongono diverse tecnologie di funzionamento; infatti troviamo carrelli elevatori manuali, carrelli semi-elettrici e carrelli elettrici. In particolare, i modelli sono i seguenti:

  • o Carrello elevatore manuale in alluminio da Kg 181
  • o Carrello elevatore manuale in alluminio da Kg 227
  • o Carrello elevatore manuale MX 516 da Kg 500 PRAMAC
  • o Carrello elevatore manuale MX 1016 da Kg 1000 PRAMAC
  • o Carrello elevatore semi-elettrico TX 10/16 PRAMAC
  • o Carrello elevatore semi-elettrico TX 12/25 PRAMAC
  • o Carrello elevatore semi-elettrico TX 12/35 PRAMAC
  • o Carrello elevatore elettrico GX 10/16 PRAMAC
  • o Carrello elevatore elettrico GX 12/25 PRAMAC
  • o Carrello elevatore elettrico GX 12/35 PRAMAC

 

Articolo offerto gratuitamente dallo staff di:

 

mito-smgroup.com

 

DiStaff Posted Mar 14, 2018

Tipologie di prodotti ortopedici

 

I prodotti ortopedici sono dispositivi sanitari atti a rendere la qualità della vita più piacevole a chi è costretto all’immobilità o alla semi-immobilità. Si suddividono in diverse categorie, per riuscire a soddisfare tutte le esigenze specifiche e personali.

  1. Cuscini e materassi antidecubito

Una lunga degenza a letto, se non supportata da un ottimo materasso e cuscino antidecubito, può promuovere la formazione di dolorose e fastidiose piaghe o di irritazioni generiche della pelle. Il materasso antidecubito è pensato, realizzato e strutturato per offrire il massimo comfort al paziente allettato. Esistono diverse soluzioni di cuscini e materassi antidecubito, da scegliere in base ai gusti personali. Tendenzialmente, l’azione protettiva è data da una lastra traspirante, in tessuto antifrizione, che evita alla pelle sfregamenti e sudorazione. I materassi antidecubito possono essere in schiuma o bolle di silicone, morbide e in grado di adattarsi al corpo, seguendone dolcemente le linee senza comprimere. Esistono poi quelli ad aria, igienici, che non contengono materiali potenzialmente allergenici o irritanti. Infine, alcuni pazienti preferiscono trascorrere la loro degenza a letto scegliendo i materassi ad acqua, che cedono sotto il peso del corpo senza opporre resistenza, donando un riposo comodo e confortevole.

2. Ausili per vasche e wc

Il paziente semi-sufficiente può trarre grande giovamento psicofisico dalla possibilità di sentirsi il più possibile autonomo in bagno. Scegliendo degli adeguati supporti ortopedici, è possibile garantirgli questa opportunità. Si tratta di comode sedute, da montare sul wc o sulla vasca, che consentono al paziente o all’anziano di espletare le funzioni fisiologiche mantenendo la corretta posizione, in tutta sicurezza. Le cosiddette “comode” da wc o vasca sono vere e proprie sedute, imbottite e confortevoli, da sovrapporre al sedile del wc o da inserire nella vasca da bagno. In questo modo, anche chi ha difficoltà motorie potrà occuparsi della sua persona in autonomia, senza rischi.

  1. Bastoni e stampelle

Bastoni e stampelle sono dispositivi medici che servono ad aiutare la deambulazione dei pazienti auto-sufficienti ma con problemi di equilibrio, di appoggio degli arti o di sostegno. Il bastone è un attrezzo leggero e molto versatile, utilissimo soprattutto per chi necessita di una sicurezza d’appoggio in più durante la camminata. È importante sceglierne uno solido, stabile, con un manico ergonomico e semplice da impugnare. Le stampelle, invece, sono supporti molto utilizzati durante i periodi di convalescenza post-trauma o post-chirurgia ortopedica. Si tratta di supporti ai quali si appoggiano i gomiti, o le ascelle, in grado di aiutare la deambulazione autonoma appoggiando un solo arto. Anche in questo caso è fondamentale che siano solide e stabili, adatte al peso del paziente, antisdrucciolo e con appoggio comodo, in modo da non frizionare o indolenzire i gomiti o le ascelle e permettere al paziente di spostarsi in autonomia.

4. Tutori per la riabilitazione

I tutori per la riabilitazione comprendono una vasta gamma di prodotti ortopedici, versatili ed adattabili a diverse soluzione. Si tratta di ginocchiere, cavigliere, polsiere o collari che servono a tenere nella giusta posizione un’articolazione danneggiata, in convalescenza o in via di guarigione. Sono molto utili in fase post-traumatica, anche muscolare. Servono a tenere ferma la parte lesa e ad accompagnare i movimenti, in modo da evitare danneggiamenti ulteriori e ricadute. Sono molto consigliati in caso di: trauma muscolare, trauma articolare, ultime fasi della convalescenza post-trauma e post-chirurgia. A volte gli ortopedici le consigliano anche, semplicemente, per affrontare periodi di dolori o di sovraccarico osteo-muscolo-articolare. I tutori riabilitativi ortopedici sono largamente utilizzati anche in ambito sportivo, per recuperare velocemente funzionalità dopo un incidente e per abbreviare i tempi di convalescenza.

 

Articolo offerto gratuitamente dallo staff di:

 

prodottiortopedici.net

Ortopedia Podavini Luciano

Via Filippo Turati n.5 Di fronte all’ASL MI 2 20063 Cernusco sul naviglio Numero di telefono: 0235995421

DiStaff Posted Mar 14, 2018

Modelli e caratteristiche delle pellicole per i vetri

 

Cosa sono le pellicole per vetri e a cosa servono.

Le piccole di vetro modificano le caratteristiche del vetro migliorandone le prestazioni. L’applicazioni di questi fogli adesivi sulle finestre consente di renderle più resistenti alle rotture. È noto che un vetro può rompersi a seguito di diverse sollecitazioni quali vento, vibrazioni, grandine, movimenti sussultori dati da terremoti, colpi di proiettile o esplosioni specie se parliamo delle vetrine di gioiellerie o altri utilizzi commerciali. Ovviamente la rottura del vetro comporta, come si può facilmente immaginare, la formazione di schegge altamente pericolose, se non letali, per chi o cosa si trovi sfortunatamente nel loro raggio d’azione. Il compito delle pellicole di sicurezza è quello di contenere tali frammenti e tenere insieme il vetro in caso di rottura riducendo fortemente la probabilità di arrecare danni a persone e cose. Se ne raccomanda l’utilizzo infatti non soltanto nelle abitazioni ma anche in scuole, aeroporti, banche, uffici ed enti pubblici.

Inoltre le pellicole di vetro sono capaci di fornire un risparmio energetico per chi le applica. Difatti la loro presenza contribuisce a combattere i problemi di irraggiamento, abbattendolo quasi del 90% in entrata, consente una riduzione dei costi della bolletta quasi del 30% andando così anche a diminuire l’emissione di anidride carbonica nell’ambiente. Le pellicole di sicurezza migliorano anche l’aspetto della privacy di un edificio senza considerare che, la loro presenza, potrebbe far acquistare punti anche a livello di estetica. Ma andiamole a vedere con ordine.

Modelli principali venduti sul mercato.



I principali modelli di pellicole che ritroverete sul mercato sono i seguenti:

-Di sicurezza

-Antisolari
-Decorative
-A specchio

Le pellicole di sicurezza quasi sempre saranno pellicole in poliestere a singolo strato o a strati multipli di poliestere laminato. Conferiscono, come suggerisce il nome stesso, maggiore sicurezza al vetro in caso di possibili incidenti perciò note anche come antisfondamento o antinfortunistiche. Le pellicole evitano difatti la frantumazione del vetro in caso di urti o sollecitazioni pericolose abbassando così il rischio di incidenti. È ovvio che trovano una loro applicazione anche nelle vetrine di negozi. La loro resistenza aiuta a proteggersi dai tentativi di furto o scasso di malintenzionati. Quindi trovano corrispondenza nell’ambito commerciale e residenziale. Esistono in versioni colorate o riflettenti e sono in grado di proteggere dal calore, dalla penetrazione dei raggi UV nonché dall’abbaglio del sole migliorando così i costi di climatizzazione perciò note anche come antisolari. Vi sono alcune pellicole poi che, oltre ad espletare le funzioni già descritte, prevedono disegni o adesivi acrilici o ancora agenti coloranti a fini estetici. Queste infatti sono in grado di mimare perfettamente la presenza, per esempio, di un marmo satinato o prevedono decori floreali e disegni vari facendo acquistare punti in termini di arredo, per esempio, alla casa che ne usufruisce senza dover ricorrere a rulli e vernici. Le piccole a specchio, anche note come riflettenti, sia in colore bronzo che argento, lavorano appunto per riflessione: la loro struttura metallica riflette i raggi infrarossi lasciandone passare solo in piccole quantità.

 

Articolo offerto gratuitamente dallo staff di:

 

solar2000.it

Corso San Giovanni a Teduccio, 928 –

Trav. Castagnola 11 – 80046 Napoli;

Tel: 081 479411 – 081 479726

Fax: 081 481809

solar2000@solar2000.it

DiStaff Posted Mar 14, 2018

Biancheria intima per donne e uomini tipologie

Con l’espressione biancheria intima si intendono tutti quei capi di abbigliamento indossati sotto gli abiti maschili o femminili, quali ad esempio: reggiseno, mutande, canotte e calze. L’intimo può essere anche da notte e comprendere in questo caso pigiami, vestaglie e camicie.
Spesso i termini biancheria o intimo, validi indifferentemente per capi maschili o femminili, vengono confusi con la parola francese lingerie che in realtà nel gergo proprio della moda indica soltanto i capi intimi femminili.

 

L’intimo femminile comprende:

  • Reggiseno: indumento intimo utilizzato per sostenere il seno. Tra i vari modelli ritroviamo quello push-up, a balconcino, la brassiere, il reggiseno sportivo e quello da allattamento.• Mutanda o slip: capo che avvolge le parti intime inferiori del corpo.
  • Brasiliana: particolare tipo di slip che copre i glutei soltanto nella parte superiore.
  • Tanga: più succinto rispetto alla brasiliana, copre le parti intime anteriori lasciando invece completamente scoperti i glutei.
  • Perizoma: meno succinto rispetto al tanga, copre le parti intime anteriori con un piccolo triangolo di stoffa che è possibile ritrovare in una misura più ridotta anche nella parte posteriore.• Culotte: più avvolgenti e meno sgambate rispetto alle semplici mutande. Abbracciano fianchi e glutei nella loro totalità.
  • Corsetto: indumento utilizzato per sorreggere il seno e modellare il busto grazie all’uso di speciali stecche flessibili.
  • Guepière: simile al corsetto. Si distingue da quest’ultimo per i materiali utilizzati, di solito più morbidi e trasparenti. Integra spesso la presenza di un reggicalze.
  • Reggicalze: fascia elastica da mettere sui fianchi. Grazie alla presenza di una serie di laccetti da agganciare alle calze provvede al corretto sostenimento di queste ultime.
  • Giarrettiera: fascia di tessuto, di solito elastica, da mettere sopra la calza per sostenerla. Viene spesso confusa con il reggicalze.
  • Sottoveste: abito intimo scollato e con spalline molto sottili da indossare sotto i vestiti.• Calze: capo utilizzato per coprire i piedi e le gambe.
  • Body: indumento intimo aderente che copre il seno, il busto e le parti intime.
  • Guaina: costituita di materiale elastico e contenitivo, modella addome, glutei e pancia.
  • Canotta: indumento che avvolge seno, busto e addome. Caratterizzato da scollatura e spalline grosse o sottili.
  • Baby-doll: capo intimo per la notte formato da una chemise molto leggera e mutande o perizoma coordinati.

Tra i capi intimi da uomo invece ritroviamo:

  • Canotta: capo senza maniche che avvolge il busto lasciando scoperte le braccia.• Slip: mutanda sgambata.
  • Boxer: particolare tipo di mutanda a pantaloncino.
  • Parigamba: più attillato rispetto al boxer, avvolge i fianchi e copre le parti intime lasciando scoperte le gambe.
  • Perizoma: slip molto sgambato che lascia scoperti i glutei.
  • Calze: coprono i piedi e la parte inferiore delle gambe.
  • Pigiama: indumento per la notte formato da una maglia e un pantalone, lungo o corto.

 

Articolo informativo offerto gratuitamente da:

 

Baronionline

Via Mazzini, 83

25020 – Alfianello, Brescia

Tel 030 9305951

P.IVA 00710520982