Archivio per Categoria Lavoro

DiStaff

Impianti di Lavaggio ruote industriali: 3 dogmi da seguire

Un lavaggio industriale ha bisogno di una tecnologia avanzata, anche se non lo noti quando ti trovi all’autolavaggio. I componenti svolgono un lavoro continuo ed i pezzi meccanici devono essere resistenti all’usura. Questi impianti servono per lavare le ruote di ogni tipo di veicolo, da piccole a grandi dimensioni, come ad esempio un camion o un trattore.

Raccorderia ed elettrovalvole

Questi lavaggi funzionano ad acqua calda che viene portata a pressione e poi spruzzata sui veicoli. I tubi attraverso cui passa l’acqua (ad una pressione fino ad 80 bar) vengono sollecitati alla dilatazione, quindi devono garantire una forte resistenza. Affinché il veicolo venga pulito bene è fondamentale avere la giusta pressione ed evitare perdite di acqua e aria nelle tubazioni. In caso contrario il risultato sarebbe scadente e si potrebbero creare guasti all’impianto stesso. Le elettrovalvole servono per la chiusura e l’apertura dei circuiti dell’impianto dell’acqua. Questa può essere diretta, riciclata o iperfiltrata.

Cilindri

I cilindri servono per garantire il funzionamento delle spazzole laterali rotanti, delle spazzole verticali e delle grandi lame d’aria di asciugatura. I pistoni servono per far sì che le spazzole si inclinino in base alla sagoma del veicolo. I cilindri svolgono un’azione molto importante, devono saper dare la giusta inclinazione alla lama di asciugatura la cui uscita dell’aria è di 45° rispetto alla sagoma del veicolo, per rimuoverne ogni goccia d’acqua. Si eseguono due passate avanti e indietro di asciugatura, quindi i pistoni devono inclinare le lame nei due sensi. Ogni spazzola di lavaggio pesa circa 30 kg, mentre le lame sui 150 kg.

Tre tipologie di lavaggio

L’impianto di lavaggio automatico ad ugelli rotanti è composto da una struttura pesante e zincata. Va inserito all’interno di una vasca in cemento armato, così l’acqua sarà riciclata e tratterrà i detriti. Il suo impianto è composto da ugelli rotanti, una stazione pompante e quattro teste ruotanti, per garantire la pulizia delle ruote del veicolo.

L’impianto entroterra a ugelli fissi è posto all’interno di una vasca in cemento armato. La struttura è composta da tubi e griglie e ha una stazione pompante modulare automatica.

Infine c’è la soluzione fuoriterra a ugelli fissi, stesse caratteristiche di quello appena descritto, con qualche differenza: fa più lavaggi (circa 60 all’ora), asporta molti più detriti e ha la funzione disinfestazione per agroalimentari; è mobile per cui lo si può utilizzare per noleggi o siti provvisori.

Conclusione

La scelta della tipologia di impianto dipende dalle tue necessità. Non dimenticare che deve avere tre caratteristiche basilari:

  • precisione
  • potenza
  • versatilità

Approfondisci qui: https://www.omzsrl.it/impianti-di-lavaggio/lavaggio-interno-cisterne-4-dogmi-da-seguire/

DiStaff

carrelli da trasporto interno a cosa servono e quali sono

I carrelli da trasporto interno sono praticamente dei carrelli per movimentazione merci che sono molto utili quando si vogliono spostare merci e oggetti da un luogo ad un altro senza fatica. Esistono in commercio diversi modelli, con misure e caratteristiche differenti, in maniera da potere individuare quello più rispondente alle esigenze specifiche. I carrelli trovano impiego in ogni campo come ad esempio negli uffici, nei magazzini o nelle officine.

Quanti tipi di carrelli esistono?
Vi sono numerosi tipi di carrelli con modelli che variano a seconda dell’utilizzo e della destinazione finale che viene determinata dall’ambiente in cui vengono usati, di seguito una breve esposizione delle tipologie con relativa descrizione.

Carrelli con vassoio: i carrelli con vassoio trovano la perfetta collocazione in cucina in quanto rappresentano il veicolo principale per trasportare il cibo, in maniera elegante, in tavola, sfruttando la comodità delle ruote.

Carrelli da magazzino: i carrelli da magazzino rappresentano l’accessorio indispensabile per trasportare la merce dei depositi senza appesantire la schiena, di misure variabili a seconda degli usi.

Carrelli da ufficio: tali supporti da ufficio vengono utilizzati come organizer nel quale tenere in ordine i documenti al fine anche di spostarsi da una stanza ad un’altra con praticità.

Carrelli di montaggio: i carrelli di montaggio costituiscono i complementi d’arredo indispensabili nelle officine meccaniche in quanto contengono tutti gli elementi per portare a termine brillantemente i lavori della giornata.

Carrelli di servizio: tali carrelli si caratterizzano per la piena funzionalità adattabile a diversi spazi di casa e del lavoro in quanto i ripiani capienti e le ruote leggere semplificano ogni spostamento.

Carrelli di servizio in acciaio inox: i carrelli di servizio in acciaio inox vengono scelti nel settore della ristorazione e dell’intrattenimento in quanto rispecchiano appieno i dettami previsti in materia di igiene.

Carrellini da trasporto: per le misure compatte e la maneggevolezza, i carrellini da trasporto sono utili in molti ambiti, dall’ufficio all’officina sino anche al campo della ristorazione per le bevande o i vini.

Carrelli due ruote: i carrelli due ruote sono indicati prettamente per coloro che hanno bisogno di rapidità e desiderano spostarsi da una zona all’altra dell’ufficio o del magazzino senza perdere troppo tempo.

Carrelli a carico lungo: tale modello viene preferito da chi ha necessità di spostare oggetti lunghi ed ingombranti, come ad esempio tubi idraulici, profilati in alluminio, legno di parquet o altri listoni.

Carrelli a scaffale: questo modello di carrello, oltre ad essere idoneo per il trasporto, esprime tutta la sua utilità contenitiva, per tenere in ordine gli oggetti e gli strumenti di lavoro.

Carrelli cabinati: i carrelli cabinati si distinguono per il rivestimento finestrato che ne agevola l’utilizzo anche all’esterno durante le avverse condizioni meteorologiche.

Carrelli cash & carry: tale modello di carrello trova una felice collocazione all’interno dei punti vendita o negli ingrossi per aiutare i clienti ad effettuare gli acquisti e a portarli nelle auto.

Carrelli con impugnatura centrale: questa tipologia viene selezionata da coloro che richiedono una praticità di trasporto, mediante una piccola spinta.

Roll container: il carrello roll container è un modello che si dimostra molto utile per la scorrevolezza delle ruote.

Carrelli e supporti porta pannelli: il modello si presta perfettamente per trasportare i pannelli in legno o fotovoltaici nella massima sicurezza grazie ad una presa antiscivolo.

Carrelli grande portata: grazie alle misure vaste, adatte a contenere oggetti e merci di enorme misura, tali carrelli vengono usati maggiormente nel commercio e nell’industria.

Carrelli industriali manuali: i carrelli industriali manuali si distinguono per la maneggevolezza e per la praticità nonostante le misure importanti.

Carrelli porta pallet: tale modello è molto apprezzato nel settore dell’industria per lo spostamento di questi accessori voluminosi.

Carrelli portamateriale: i carrelli portamateriale sono versatili e utili in ogni ambito, dal commercio all’industria.

Carrelli preparazione ordini: i carrelli di preparazione ordini trovano impiego nel momento in cui si devono predisporre le merci per la consegna o la spedizione a seguito dell’imballaggio.