Archivio per Categoria Psicologia e sessualità

DiStaff

3 cose che dovresti sapere sui sexy shop

Sesso! Lo adoriamo tutti, sia che si tratti di un partner o di un assolo. E tutti sanno che alcuni  oggetti cattivi di un sex shop possono renderlo ancora migliore.

Ma nonostante sia il 2018, molti di noi arrossiscono ancora quando si deve fare shopping in un sexy shop.

Meglio fare shopping in compagnia

Perché farlo? “Fare shopping con i tuoi amici può rendere l’esperienza molto meno imbarazzante, dato che può aiutare a scegliere il sexy toys giusto e, soprattutto, confrontare.

“Venire con un amico è probabilmente molto più divertente, hai qualcuno per il ritorno e puoi riderci insieme senza doverti sentire completamente solo in questo nuovissimo mondo di giocattoli sessuali”.

L’unico lato negativo è che potresti non volere che conoscano i dettagli della tua vita sessuale, ma se pensi che ti sentiresti più a tuo agio, allora entra da solo troverai di certo dei gruppi interni per scambiare opinioni e battute.

Pensalo come un normale acquisto.

Vogliono solo il meglio per te: “Nessuno dovrebbe sentirsi nervoso avvicinandosi a un commesso per chiedere aiuto nella scelta di un giocattolo erotico. Sono li per venderti gli articoli migliori, allo stesso modo in cui qualcuno in un negozio di elettronica vorrebbe fare lo stesso, solo che lo fa con prodotti leggermente più intimi. Quindi non c’è nulla di male nell’andare semplicemente dal commesso e dire: “Ciao, puoi parlarmi di questo prodotto? È sicuro da usare in questo genere di atto sessuale?” Per lui è solo un altro prodotto da vendere e da informare.

Confronta i sex toys

Perché farlo? “Fare la tua ricerca in anticipo è una buona tecnica, quindi puoi venire a conoscenza di alcuni dei termini chiave e del loro significato, quindi puoi sentirti molto più sicuro e meno nervoso.

Cosa dovresti cercare? “Il trucco è trovare qualcuno che sia oggettivo, perché il più delle volte l’uso di un giocattolo sessuale è molto soggettivo.” Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra persona. “Quindi cerca recensioni che parlino di qualità, durata della batteria e se è impermeabile, piuttosto che qualcuno che dice semplicemente “Oh, questo giocattolo non sa dove trovare il mio clitoride”.

 

DiStaff

MANCANZA DI DESIDERIO MASCHILE

 

CAUSE

La mancanza di desiderio maschile è sicuramente un problema che assume importanza nella sessualità sia individuale che di coppia. Quando parliamo di mancanza di desiderio maschile è necessario rimandare a situazioni che influenzano l’eccitazione e il desiderio stesso che portano dunque a generarsi delle difficoltà fisiche ad avere rapporti. Le problematiche possono essere sia di natura fisiologica si di natura psicologica. Di natura fisiologica possono essere anche malattie quali disfunzione erettile o la difficoltà ad eiaculare ma anche sovrappeso o livelli bassi di testosterone. Se si giunge alla conclusione che i fattori che hanno determinato la mancanza di desiderio maschile non sono di natura fisiologica si può pensare che le cause siano più radicate e quindi di natura psicologica tra cui stress, alcolismo, problemi nel relazionarsi o problemi che arrivano dall’infanzia.

COME AUMENTARLO

Una volta giunti a cosa genera la mancanza di desiderio maschile bisogna necessariamente rivolgersi a uno specialista. Se le cause sono fisiologiche sarà necessario seguire la cura prescritta eliminando i le cause che provocano il calo del desiderio. Nello stesso modo se i fattori sono di tipo psicologico sarà necessario rivolgersi al medico e dunque seguire i suoi consigli. Va detto che un problema di natura fisiologica è sicuramente più semplice da curare rispetto a un problema di tipo psicologico che richiede un percorso. Tra le varie cose che si possono fare è dedicarsi ad atttività fisica specifica o aggiungere integratori specifici che possono andare ad agire sul desiderio maschile.

QUANDO INTERVENIRE

In alcuni momenti della vita può accadere che la mancanza di desiderio maschile sia del tutto normale. Il desiderio maschile è regolato dall’ormone del testosterone, ormone la cui presenza è misuralbile con un esame del sangue. Si tenga presente che tale ormone inizia a decrescere già dai 30 anni. Dunque il problema della mancanza del desiderio maschile se è un evento raro è da considerarsi normale mentre se il calo del desiderio è prolungato nel tempo inizia a portare prolemi personali e nella coppia e quindi si rende necessario intervenire rivolgendosi a specialisti che potranno capire se la mancanza di desiderio maschile è di tipo fisiologico o di tipo psicologico.